Master of Food: Vino

Dal 15 marzo, per 6 mercoledì, (15/03, 22/03, 29/03, 5/04, 12/04, 19/04), presso il Ristorante 7 bello a Caposele (AV)….

6 lezioni per scoprire quello che avresti sempre voluto sapere sul Vino…
Il corso sul vino promuove un nuovo approccio per avvicinare al vino un pubblico sempre più ampio, concentrando una maggiore attenzione al concetto del “buono, pulito e giusto”, nella direzione di una “geosensorialità” in cui alla piacevolezza organolettica si coniuga la sostenibilità ambientale e “quel rapporto virtuoso del vignaiolo con il proprio territorio”
Prima lezione
Terreno, clima, vitigno: i tre elementi che fanno la qualità di un vino.
Cos’è il terroir, aspetti naturali e intervento dell’uomo.
Agricoltura convenzionale, biologica, biodinamica.
Esame organolettico: la vista.
Colore e stato evolutivo di un vino.
Difetti principali di un vino: l’ossidazione.
Degustazione tecnica di alcuni vini.
Seconda lezione
Dalla raccolta dell’uva al vino.
La vinificazione: differenti tecniche di produzione.
Utilizzo della solforosa: benefici e controindicazioni.
Esame organolettico: l’olfatto.
Come si formano i profumi: primari, secondari e terziari.
Difetti principali di un vino: sentore di tappo.
Degustazione tecnica di alcuni vini.
Terza lezione
Maturazione e invecchiamento del vino.
Il ruolo dei tannini e del legno.
Vini dolci e passiti: tecniche di produzione.
Esame organolettico: il gusto.
Armonia ed equilibrio di un vino.
Difetti principali di un vino: la riduzione e la volatile.
Degustazione tecnica di più vini.
Quarta lezione
Vini frizzanti e spumanti: tecniche di produzione e classificazione.
Zone di tradizione.
Come si degusta lo spumante.
Degustazione tecnica di più vini.
Quinta lezione
Classificazione dei vini in Italia e in Europa.
Come leggere l’etichetta.
Cenni sull’abbinamento cibo-vino.
Le temperature di servizio.
La conservazione del vino in cantina.
Degustazione tecnica “alla cieca” di alcuni vini accompagnati da cibi del territorio.
Sesta lezione
Visita a un’azienda vitivinicola selezionata dalla guida Slow Wine.
Percorso in vigna per approfondire gli aspetti naturali e l’intervento dell’uomo nella viticoltura.
Come osservare e valutare la biodiversità.
Spiegazione e verifica “sul campo” di alcune pratiche agricole (convenzionali, biologiche, biodinamiche).
Le tappe principali del percorso che fa l’uva e il vino in cantina.

Per info e prenotazioni
Donato 339 621 2827
slowfoodaltairpinia@gmail.com
Quota di partecipazione € 165.00 per le 6 lezionimaster-of-food-vino_web

Immagine

Avviso ai naviganti…. molte tessere sono in scadenza….

1600X450.jpg

Immagine

Stiamo preparando un’esperienza unica….

banner-vino

Leguminosa non è finita….

 

con il prof

con il prof

vanvitelli_08 vanvitelli_01 vanvitelli_02 vanvitelli_05 vanvitelli_06 vanvitelli_07vanvitelli_00

vanvitelli_03Stamattina, a Lioni (AV), presso l ‘ IPSEOA “L. Vanvitelli” si è tenuta la prima lezione – premio per il Concorso “Legumi e tegami” bandito da Slow Food Educazione Campania e Basilicata.    Sono state ufficialmente premiate le studentesse Maria Campione e Isa Rosamilia, che hanno partecipato al concorso a Napoli con il piatto “L’Irpinia e il mare” a base di fagioli bianchi di Volturara, peperoni cruschi di Quaglietta, pane di Calitri, basilico irpino, seppie e olio di Ravece. Il premio per il primo classificato comprendeva anche tre laboratori tematici Slow Food. Stamattina la classe  4^C con il prof. Luigi Tedesco, il D.S. Sergio Siciliano e vari graditi ospiti ha partecipato al Primo Laboratorio, un percorso sensoriale tenuto dal nostro Presidente Giuseppe Orefice*. A giudicare dalle facce e dai sorrisi dei ragazzi la lezione ha avuto i suoi buoni frutti! Siamo orgogliosi di poter partecipare attivamente alla formazione professionale di questi ragazzi…ci piace “seminare utopia per raccogliere realtà!” (cit. C. Petrini). Contribuire alla crescita educativa è uno dei principi ispiratori dell’associazione Slow Food, e  noi siamo grati a quei docenti che vogliono mettersi in gioco con noi. Leguminosa è stato un evento nazionale e non solo, ma non è finito con la tre giorni di Napoli. Il progetto di educazione continua… con le altre due lezioni premio (pasta e olio) e non solo…portando nelle scuole il messaggio della FAO* sull’importanza dei legumi nella dieta. E se questo ancora non vi basta….

Sinceramente Luciana Pinto

* G. Orefice, Presidente Slow Food Campania e Basilicata

*Fao  (Food and Agriculture Organization of the United Nation) ha dichiarato il 2016 anno internazionale dei legumi e ha riconosciuto, al momento, solo Leguminosa tra gli eventi promotori

Assemblea di Condotta

Come tutti gli anni, di questi tempi (marzo) si rinnova l’appuntamento congressuale dell’Assemblea di Condotta.

Giovedì 17 marzo 2016
Presso Agriturismo Forgione, Via Carmasciano, Rocca San Felice  (AV )
Ore 17,30 Prima Convocazione
Ore 18,30 Seconda Convocazione
Con il seguente Ordine del giorno
– resoconto delle attività anno 2016
– analisi del bilancio
– relazione del fiduciario
– attività in essere e proposte
– rinnovo del Comitato di Condotta
– varie ed eventuali

Seguirà un momento conviviale: “Omaggio a Leguminosa”

con una cena presso la struttura che ci ospita a base di legumi e prodotti dell’azienda.

(€ 10,00 a persona)

BANNER_170316

Trionfo a Leguminosa

Oggi primo giorno di Leguminosa, in piazza Dante a Napoli. Grande attesa per questo evento, che ha preso respiro nazionale per Slow Food Campania, grandi preparativi e grandi successi. Tra le numerose iniziative in programma, Slow Food Educazione Campania ha organizzato il concorso Legumi e Tegami rivolto agli studenti degli Istituti Alberghieri di tutta la Regione. Stamattina due studentesse (Maria Campione e Isa Rosamilia) dell’Istituto P.S.E.O.A. “L. Vanvitelli” di Lioni (AV) classe 4C Enogastronomia, con il loro prof. Luigi Tedesco, hanno raggiunto Napoli e hanno partecipato alla gara con un  piatto dal titolo “L”Irpinia e il mare” a base di fagioli bianchi di Volturara, peperoni cruschi di Quaglietta, pane di Calitri, basilico irpino, seppie e Olio di Ravece. Una ricetta dai profumi antichi e dal sapore sincero come la nostra terra… una ricetta che ha permesso loro di classificarsi PRIME a questo concorso e vincere tre laboratori tematici Slow Food per l’intera classe.  I miei personali ringraziamenti vanno al Dirigente Scolastico, prof. Sergio Siciliano, alla collaboratrice del D.S., prof.ssa Anna Di Domenico, al prof. Luigi Tedesco e ai ragazzi, tutti,  dell’alberghiero di Lioni, per il loro impegno e la loro costanza. Il futuro di questo territorio è nelle mani di giovani, uomini e donne, coraggiosi e tenaci, che vogliono fare del cibo la loro ragione di vita…un cibo buono pulito e giusto, un cibo che è lo specchio di un territorio! Allora non aspettate, prendete un mezzo di trasporto (i mezzi pubblici vi portano direttamente a piazza Dante a Napoli) e immergetevi in un mondo di legumi, di profumi di terra e di mare, Leguminosa vi aspetta fino a domenica!

Sinceramente Luciana Pinto

Aspettando LEGUMINOSA tutti a Rocca San Felice – Agriturismo Forgione 26 febbraio 2016

LOCANDINA_260216