Archivi tag: Alta Irpinia

Leguminosa non è finita….

 

con il prof

con il prof

vanvitelli_08 vanvitelli_01 vanvitelli_02 vanvitelli_05 vanvitelli_06 vanvitelli_07vanvitelli_00

vanvitelli_03Stamattina, a Lioni (AV), presso l ‘ IPSEOA “L. Vanvitelli” si è tenuta la prima lezione – premio per il Concorso “Legumi e tegami” bandito da Slow Food Educazione Campania e Basilicata.    Sono state ufficialmente premiate le studentesse Maria Campione e Isa Rosamilia, che hanno partecipato al concorso a Napoli con il piatto “L’Irpinia e il mare” a base di fagioli bianchi di Volturara, peperoni cruschi di Quaglietta, pane di Calitri, basilico irpino, seppie e olio di Ravece. Il premio per il primo classificato comprendeva anche tre laboratori tematici Slow Food. Stamattina la classe  4^C con il prof. Luigi Tedesco, il D.S. Sergio Siciliano e vari graditi ospiti ha partecipato al Primo Laboratorio, un percorso sensoriale tenuto dal nostro Presidente Giuseppe Orefice*. A giudicare dalle facce e dai sorrisi dei ragazzi la lezione ha avuto i suoi buoni frutti! Siamo orgogliosi di poter partecipare attivamente alla formazione professionale di questi ragazzi…ci piace “seminare utopia per raccogliere realtà!” (cit. C. Petrini). Contribuire alla crescita educativa è uno dei principi ispiratori dell’associazione Slow Food, e  noi siamo grati a quei docenti che vogliono mettersi in gioco con noi. Leguminosa è stato un evento nazionale e non solo, ma non è finito con la tre giorni di Napoli. Il progetto di educazione continua… con le altre due lezioni premio (pasta e olio) e non solo…portando nelle scuole il messaggio della FAO* sull’importanza dei legumi nella dieta. E se questo ancora non vi basta….

Sinceramente Luciana Pinto

* G. Orefice, Presidente Slow Food Campania e Basilicata

*Fao  (Food and Agriculture Organization of the United Nation) ha dichiarato il 2016 anno internazionale dei legumi e ha riconosciuto, al momento, solo Leguminosa tra gli eventi promotori

Annunci

21 settembre 2013 Abbazia del Goleto – Giù le mani! Forum di comitati e associazioni di base delle aree interne del mezzogiorno”.

SLOW FOOD ALTA IRPINIA PARTECIPERA’ al “Giù le mani! Forum di comitati e associazioni di base delle aree interne del mezzogiorno”.

Il 21 settembre, presso il Goleto di S.Angelo de Lombardi, si terrà l’incontro “Giù le mani! Forum di comitati e associazioni di base delle aree interne del mezzogiorno”. Il forum è organizzato dal Comitato S. Angelo dei Lombardi, dal Comitato NO Petrolio in Alta irpinia e l’associazione l’Albero Vagabondo ed è ospitato a S.Angelo dei Lombardi, luogo scelto simbolicamente visto che nelle prossimità dell’Abbazia del Goleto, cartolina naturale dell’Alta Irpinia, di fronte ai Monti Picentini, sorgeranno un elettrodotto, un parco eolico e una centrale a biomassa.
“La finalità – si legge nella nota – è quella di sviluppare un confronto e un dialogo, creando sinergie, tra comitati, associazioni e cittadini sulle tematiche ambientali che interessano l’Irpinia e le aree interne del meridione: discariche abusive e sversamenti diffusi, esplorazioni petrolifere in aree sismiche e ricche d’acqua, eolico selvaggio ed elettrodotti, speculazione energetica, aree di ricarica dei bacini idrici a rischio, depuratori inesistenti, emissioni fuori norma nei nuclei industriali, impianti a biomassa che diventano inceneritori.
Perché incontrarsi? Perché la terra e la gente dei piccoli paesi delle aree interne meridionali, dall’Irpinia al Salernitano, dalla Puglia alla Lucania, si stanno svuotando di gente e di linfa vitale. Scompaiono presìdi scolastici e sanitari, piccoli tribunali, ferrovie e uffici postali mentre terra, aria e acqua sono a rischio o già compromesse. Perché piccoli gruppi di cittadini in luoghi sconosciuti e isolati portano avanti, spesso senza sapere l’uno dell’altro, battaglie contro interessi economici nella mancanza di pianificazione e spregio delle risorse naturali dell’Appennino meridionale al cui consumo va posto un freno. Perché, infine, c’è bisogno di una politica territoriale che ponga in primo piano l’ambiente senza il quale agricoltura e turismo sono inutili raccoglitori di fondi pubblici e finanziamenti a breve termine in assenza di una pianificazione territoriale. Alla cancellazione dei servizi subentrerà inevitabilmente l’ulteriore abbandono dei piccoli paesi e la desertificazione del territorio. Questa drammatico connubio continuerà a spianare la strada agli speculatori energetici (eolico selvaggio, fotovoltaico a terra, trivellazioni petrolifere, elettrodotti, centrali a biomasse, discariche, prelievi di acque sorgive, cave). Necessita adesso la forte mobilitazione di intelligenze attive. Bisogna difendere le risorse del nostro territorio e preservare il nostro paesaggio identitario; le terre che abitiamo sono luoghi di civiltà’ e dobbiamo poterli trasmettere alle generazioni future.
La giornata, che inizierà alle 16.00, si svilupperà in tre momenti: un tavolo tecnico con l’intervento di esperti sulle tematiche ambientali, l’angolo speaker’s corner dei comitati e associazioni di base, una fase finale di proposta con la presenza di organizzazioni attive per la tutela del territorio, il turismo e l’agricoltura sostenibile.
Le prime adesioni: Comitato civico S.Angelo de lombardi, Comitato no Petrolio in Alta Irpinia, Comitato no trivellazioni petrolifere Irpinia, Comitato no inceneritore Oliveto Citra, Comitato Eolico selvaggio, Comitato Ambiente e Territorio di Bisaccia, Ass. culturale l’Albero Vagabondo, Associazione Microphonix di Cervinara, Associazione Ambiente e Salute Arcella, Comitato Tutela Fiume Calore, WWF Irpinia Montella, Legambiente Alta Irpinia, Italia Nostra, In-Loco Motivi, IrpiniaTurismo, La Strada dei Fiori, Slow Food Alta Irpinia, Touring Club Italiano. Alla fine del forum sarà diffuso un documento generale attraverso i siti e le pagine facebook di tutte le organizzazioni che conterrà le descrizioni sintetiche delle attività e delle proposte. Temi sui quali, si spera, le istituzioni preposte intenderanno intervenire accogliendo suggerimenti per una politica territoriale finalmente attenta ai valori ambientali e alla salute della popolazione e delle terre delle aree interne meridionali.
E’ inoltre in preparazione il primo evento culturale del forum il dibattito concerto “Giù le mani Irpinia Fest!” Le adesioni sono aperte!

per maggiori informazioni:

http://comitatocivico.wordpress.com/

https://www.facebook.com/groups/giulemani.irpinia